‘La.Ti.Mi.Da’ sulle pagine del New York Times: Gluten-Free Dining in Italy

29 giugno 2014

0 Commenti

Il New York Times ha recensito l’agriturismo «La.Ti.Mi.da» di Cassine durante il suo viaggio italiano gluten-free, mangiare senza glutine. La recensione è stata a sorpresa, come è giusto che sia, da parte di una insospettabile coppia che aveva avvisato di essere celiaca. «Nessun problema», ha spiegato la titolare Daniela Ulivi con il fratello Tiziano, «abbiamo un’offerta ampia di ricette per chi ha disturbi alimentari, come nostro figlio». Così se è presentata la coppia di coniugi e si sono intrattenuti a tavola, “facendo qualche domanda come tutti i clienti e dicendo di avere trovato il nostro indirizzo sul sito internet dell’Aic che certifica i locali con menu differenziati per celiaci. Cerchiamo di proporre piatti uguali per tutti, senza diversificare chi soffre di disturbi. E’ molto spiacevole sentirsi discriminati a tavola se si è celiaci, quando il ristoratore offre solamente riso e insalata come alternativa al menù. Inoltre produciamo noi i prodotti da forno, garantendo la sicurezza dei prodotti senza glutine”. Così marito e moglie hanno ordinato pasta con zucchine, cipollotti dolci, risotto coi mirtilli. Venti giorni dopo la loro visita, ha telefonato una fotografa di Genova per prendere appuntamento per scattare alcune foto all’agriturismo, che sarebbero servite per il ‘New York Times’, spiegando chi era in realtà la coppia americana. I giornalisti, in particolare, sono rimasti colpiti dall’offerta a tavola e dai prodotti coltivati direttamente da Daniela e Tiziano: l’agriturismo ha orto e frutteto (con albicocche, pere, pesche), uova (anche di quaglia, adatte alle intolleranze alimentari) e marmellata. Oltre alla vendita diretta c’è anche la fattoria didattica con oche, anatre, faraone, quaglie, pecore, maiali, conigli, furetti, cincillà e pesci nel laghetto. E’ possibile anche soggiornare (sette le camere) e avere una colazione senza glutine (su richiesta). La conduzione è familiare, come si intuisce dall’acronimo scelto per ‘La Ti.Mi.Da’, fusione dei nomi dei fratelli Angela, Tiziano, Milena, Danila. La struttura è associata a ‘Turismo Verde’, ente della Cia di Alessandria che riunisce gli agriturismo. “Ormai le aziende, soprattutto se condotte da giovani come accade a Cassine – sottolinea Samantha Repetto, presidente di ‘Turismo verde’ – hanno molta sensibilità per le intolleranze alimentari e le varie esigenze di celiaci, vegani e altro. Cerchiamo di stare al passo in un mondo che cambia. Diventa anche una sfida stimolante, per chi si occupa di ricezione e accoglienza, proporre offerte e menu senza glutine o latticini. L’unica cosa che sconcerta è che se ne accorgano prima gli americani che gli italiani”.

L’articolo è stato pubblicato nella sezione ‘Travel’ ed è leggibile anche in versione online: New York Times

Lascia un commento

Il tuo email non sarà mai pubblicato o condiviso. I campi richiesti sono segnati *

Puoi usare questi tag HTML e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Seguici su Facebook

Ultime Notizie

Prenota Menù Gluten Free

glutenfree-logo
Al momento della prenotazione sottolineare la richiesta del menù per celiaci
legna-ardere-banner
riverranch